Formia golfo
Formia
07/11/2015
Gaeta
Gaeta
07/11/2015
San Felice Circeo

2h11min – 178km

I Circei furono prima alleati e poi cittadini di Roma, parteciparono alle guerre contro Cartagine e come Roma subirono le invasioni barbariche;  nei secoli le terre dei Circei furono soggette a continui attacchi di Pirati dal mare e a lotte interne, (le varie Torri testimoniano il pericolo dei pirati saraceni e dei Turchi). Dal 1700 La zona del Circeo furono definitivamente in mano dei Pontefici e come tali seguirono le sorti del Regno Pontificio fino ai nostri giorni.

Sono ancora visibili i resti di antiche mura; sulla piazza centrale di San Felice Circeo si erge la medievale Torre dei Templari ed il Palazzo Baronale, punto di ritrovo per Vip nel periodo estivo.Dalla vicina piazzetta G. Marconi si accede al belvedere sul mare dove, in una giornata limpida, lo sguardo si spinge fino all’arcipelago Ponziano e e sulla Pianura Pontina.

Sulla spiaggia, si trova la grotta Guattari o di Neanderthal (visita a richiesta, sabato e domenica, alla Pro loco), in cui è stato rinvenuto il teschio umano contemporaneo dell’uomo di Neanderthal. Dopo 3 km sulla strada panoramica che porta alla bella località di Punta Rossa, costeggiando imponenti pareti rocciose, si affaccia sul mare, attraversa un ambiente caratterizzato dalla macchia mediterranea, il Faro di Torre Cervia.Si può proseguire a piedi sino a raggiungere la Batteria o il riparo Blanc, poi arrivare fino alla grotta delle Capre, una delle poche accessibili via terra.

Tutta la fascia costiera è infatti costellata da una serie di cavità più o meno ampie, in cui sono stati ritrovati numerosi utensili preistorici e resti fossili. Da San Felice Circeo è possibile prendere il traghetto (Pontina Navigazione), per arrivare all’arcipelago delle Isole Pontine(di origine vulcanica), situato quasi al centro del mare Tirreno, di fronte alla costa del Lazio.

SOGGIORNA IN UNA DELLE NOSTRE STRUTTURE