Vescovio
15/01/2016
Abbazia di Farfa
15/01/2016

Rocchette nasce, insieme alla sua “gemella” Rocchettine, nel XIII secolo nel cuore della Sabina e a strapiombo sul fiume Laia, affluente del Tevere; inizialmente denominate rispettivamente Rocca Bertalda e Rocca Guidonesca, le due fortezze furono costruite per proteggere questa via di comunicazione tra Rieti e la valle del Tevere. Inizialmente possedimenti del vescovo della Sabina, le due fortezze passarono ben presto sotto il dominio diretto della Chiesa; alla fine del XVI secolo furono occupate dalla famiglia Savelli che le governarono per un lungo periodo.

Agli inizi del ‘500 erano, insieme a Torri, un feudo degli Orsini che le tennero fino alla scomparsa del casato. Così, nel 1728 passarono alla Camera Apostolica quando la fortezza di Rocchettine risultava già abbandonata. Rocchette invece da centro essenzialmente fortificato diventa man mano centro rurale pur conservando il tessuto originario con i muraglioni che cadevano a strapiombo sulla valle sottostante e la via d’accesso principale che entrava nell’abitato tramite una porta d’ingresso.