Abbazia di Cassino
Cassino
07/11/2015
San Felice Circeo
San Felice Circeo
07/11/2015
Formia golfo

2h10min – 200km

Nonostante i bombardamenti subiti durante la seconda guerra mondiale, e il trascorrere del tempo, il patrimonio artistico di Formia, permane di tutto rispetto.

Di epoca romana la fonte posta sulla via Appia in direzione Itri–Roma permane in ottimo stato di conservazione e si appoggia ad una parete di blocchi calcarei. Lunga sette metri, e larga uno e  mezzo, possedeva un tempo nella parte posteriore una cisterna, utile per l’approvvigionamento idrico. L’acqua sgorgava da due maschere dalle forme antropomorfe, raffiguranti luna e sole. Di una di queste maschere, ancora oggi restano tracce.

Poco più distante i resti del sito archeologico noto con il nome di Tomba di Cicerone. Secondo la tradizione l’oratore sarebbe stato infatti ucciso a Formia (anche se le sue spoglie risiedono a Roma), e il tempio dovrebbe a ragione rappresentare il monumento funerario del grande uomo. E’ presente un altro sepolcro vicino a quest’ultimo, che viene ritenuto la tomba della figlia, Tulliola.

 Dell’epoca romana abbiamo, nella zona costiera, resti di quelle ville patrizie che vennero utilizzate per la villeggiatura dei romani.  Di un certo fascino il Forte, fatto erigere da Carlo d’Angiò nel XIII sec. in quella  zona collinare nota come Castellone. Da visitare il Rione Mola, caratterizzato dalla presenza della possente Torre Cilindrica (meglio nota come Torre di Mola), resto del castello tardo medievale, distrutto quasi certamente dai bombardamenti della seconda guerra mondiale,  e la sede della scuola Nazionale di Atletica Leggera di Formia, nata nel 1955, e oggi centro di Preparazione Olimpica del Coni.

SOGGIORNA IN UNA DELLE NOSTRE STRUTTURE